Origini: 100 parole sul totalitarismo , 2015/2020

Emilio Santisteban

Artista latinoamericano  prestazione

Documento1.jpg
Documento1.jpg
Documento1.jpg
Documento1.jpg
Captura_de_Tela_2020-02-24_às_19.30.36.

​L'immagine-testo collega così la riflessione sull'ideologia totalitaria fin dai suoi inizi storici (Arendt), e le idee comuni intorno al totalitarismo in coloro che, da una prospettiva politica, economica, sociale o culturale, sentono di viverla o osservarla.

Le 100 parole che compongono l'immagine-testo sono:

Movimento, tutto, essere, potere, mondo, partito, uomini, masse, nazisti, politica, campi, organizzazione, dominio, fatto, società, fine, forma, polizia, paese, propaganda, vita, realtà, membri, classi, governo, paura, guerra, legge, storia, capo, umano, persone, élite, ebrei, concentrazione, natura, parte, regime, popolazione, esterno, senso, modo, condizioni, stato, esperienza, ideologie, azione, sistema, beh, formazioni, logica, popolazione, segreti, autorità, forza, morte, pensiero, processo, solitudine, struttura, inizio, popolo, borghesia, conquista, gerarchia, bolscevico, finzione, niente, tempo, esistenza, collegi, bugie, inizio, capacità, sostenitori , tirannia, isolamento, servizi, criminali, essenza, idea, libertà, organismi, caso, coerenza, leader, obiettivo, premessa, lavoro, dio, metodi, posizione, vita, categorie, divisione, esercito, intellettuale, legalità, militare, viaggio [ 2].

[1] Arendt H (1998 [1951]) Le origini del totalitarismo. Traduzione in spagnolo di Guillermo Solana. Madrid: Toro.

[2] Corrispondono alla selezione effettuata nel 2019 per l'esecuzione dell'opera a Lima, Perù, in collaborazione con immigrati venezuelani. La selezione originaria per Caracas corrispondeva a un insieme di 122 parole selezionate da famiglie di significati menzionate almeno cento volte nel testo, e non da parole unitarie come nella nuova selezione. In quell'occasione le parole scelte furono: Essere, era, era, era, era, era, era, era; Tutto, Tutto, Tutto, Tutto; Totale, totalitario, totalitario, totalitario, totalitarismo; Più molto; Né, mai, mai; In caso contrario, sebbene; Uomo, Uomini, Umano, Umano, Umano, Umanità, Umano; Persona persone; Stato, Apparato, Sistema, Amministrazione, Regime, Regimi, Governo, Governi; Movimenti, Movimento; Storia, Passato, Tempo, Prima, Precedente, Durante, Mentre; Solo, solo, unico, uno; maggio, maggio, maggio; mondo mondo; Guerra, Terrore, Violenza, Orrore, Distruzione, Morte; Uguale, Uguale, Uguale, Uguale; Dominio; Partito, Partiti, Politica, Politica, Politico, Politici; Messe, Messa; Legge, Legale, Legalità, Illegalità, Norme, Normale; Forma, Moda; Aveva, c'era; Società, Sociale, Società; Quando; Significato, significa; Raccontare; Perché; Vita, vivo; Organizzazione; Campos, Campo; Già; Ma; Fatto; fuori, fuori; Tale; Propaganda; Poliziotto; Persino; Ogni; La realtà; Membro, Membri; Classe; Paesi del paese; Popolazione, Persone, Cittadini; Pubblico.

Nahir Maestre Quintana

Captura_de_Tela_2020-02-10_às_17.08.11.
Captura_de_Tela_2020-02-10_às_17.07.39.

Adriana guerrero

Adriana Guerrero 2020-02-26 at 21.19.56.
Adriana Guerrero 2020-02-26 at 21.19.55.

Arendt, Hannah.

Le origini del totalitarismo.

Invito ai partecipanti

Origini: 100 parole sul totalitarismo è un progetto di Emilio Santisteban con la partecipazione informata dei cittadini venezuelani.

Concepito nel 2015 nell'ambito della Biennale di Caracas Sud su invito della curatrice brasiliana Angela Barbour, il progetto non è stato realizzato in Venezuela (in circostanze poco chiare). Invece, è stato sviluppato in collaborazione con gli immigrati venezuelani in Perù dal gennaio 2020 per un periodo di tempo indefinito, essendo iniziato come parte del programma pubblico dello spettacolo Crónicas Migrantes. Storie comuni tra Perù e Venezuela  (settembre 2019 - febbraio 2020), ideato dalla curatrice venezuelana Fabiola Arroyo al Museo de Arte Contemporáneo de Lima MAC — Lima.

​ La partecipazione degli immigrati venezuelani consiste nell'esporre, su una parete del proprio spazio domestico o lavorativo, l'immagine-testo sopra riportata. Tale mostra non comporta necessariamente la sua esposizione aperta al pubblico, ma la contemplazione personale e tra parenti e compagni di immigrazione, o con amici locali che li accolgono e - se i partecipanti lo desiderano - la pubblicazione delle riflessioni personali che l'immagine-testo conduce .

L'immagine-testo mostra una domanda dalla direzione incerta e dalle risposte multiple e aperte: e se alla fine? ,  domanda a sua volta composta dai cento sostantivi più utilizzati nel testo "Totalitarismo", che fa parte del libro Le origini del totalitarismo di Hannah Arendt [1] . Questa selezione di termini dialoga con la performance 100 ore di lettura sul totalitarismo di Tania Bruguera, realizzata dall'artista a L'Avana (2015).

 

Le parole che compongono la domanda, ormai staccate dal discorso che hanno formato, suggeriscono alcune sottolineature che alludono a varie forme che il totalitarismo può assumere, come l'annullamento della libertà nel totalitarismo politico, l'alienazione della vita nel totalitarismo economico, o la xenofobia e aporofobia da cui emerge concretamente una sorta di totalitarismo di natura sociale e culturale, per cui è la popolazione stessa, priva di cittadinanza, ad esercitare un'azione poliziesca di controllo e di oppressione.

Emilio Santisteban , artista performativo interdisciplinare. Perù. m.me/emiliosantistebanartista emilio@emiliosantisteban.org  Contattaci .

  • Icono social Instagram
  • Facebook Social Icon
  • Icono social LinkedIn