Sweep , sfortuna, 2007

Emilio Santisteban

Artista performativo peruviano

Immagini © Aldo Cáceda e Romina Cruz

Arte de performance, arte da performance, performance art, Lima Peru Sudamérica América do Sul South America.

Sfortuna [1] Barrer, 24 luglio 2007, Image Center. Avenida 28 de Julio, Miraflores, Lima. In espresso preambolo alla relazione di Alan García Pérez al Congresso della Repubblica il 28 luglio e all'anniversario della Relazione finale del CVR alla fine di agosto.

 

Nel  Spazza, offro il mio stesso sangue, versandolo in rispettosa commemorazione dei settantamila morti avvenuti durante il conflitto armato interno per mano di criminali, sia del terrorismo insorto che del terrorismo di Stato; effusioni violente che intendiamo tenere nell'oblio e che così, con un'effusione piuttosto amorosa, vengono ricordate.

 

Assumendo poi i ruoli di big business, decisori e influencer nelle politiche statali, e uomini d'affari dei media, principalmente ma non esclusivamente, spazzo il sangue versato, che ora non è mio ma di tutti.- sotto un tappeto che, con la volto di Alan García, cerca inutilmente di nascondere l'innegabile. Il tappeto insanguinato, come è il nostro Stato e le mani di molti di noi, rivela il volto di Alberto Fujimori sulla schiena.  

 

Il  canzone dei ritornelli pubblicitari Aprista e Fujimorista "Rispetta, rispetta" e "Non abbiamo mai avuto l'opportunità, ora abbiamo l'opportunità", sono  allusione al fatto che fujimontesinismo e alanmantillismo sono e sono sempre stati due facce della stessa medaglia con cui ci addebitiamo e paghiamo quotidianamente: quella della mancanza di rispetto per molti peruviani che non sono propriamente considerati cittadini, e quella della nostra complicità nell'impunità.

 

Infortunio Barrer è stato accennato nella Conferenza — performance Infortunio (o come fanno schifo gli "esecutori"),  Heterotopías Colloquium, UAM, Città del Messico, 20 ottobre 2016).

 

[ 1] Prendendo come antecedente la nozione costruita da John Austin a partire dalla filosofia del linguaggio (nelle sue lezioni pubblicate con il titolo Come fare le cose con le parole nel 1939), mi propongo di formalizzare l'uso, nel campo artistico contemporaneo, di il termine disgrazia da denominare genericamente a creazioni che, spacciandosi per performative o pubblicizzandosi come performance, falliscono nel tentativo di stabilire il significato collettivo che una performance implica, o sono in realtà simbolizzazioni discorsive o mera semantica rappresentazionale. Quando si tratta di fallimenti, possono capitare disgrazie, sempre seguendo Austin, per impertinenza (sfortune dovute a cattivo ricorso o applicazione errata ad Austin), a causa di inefficienza (ad Austin, disgrazie di atto difettoso o atto incompleto), o per inautenticità ( Atto insincero o guaio atto vuoto, nei termini di Austin). Quando si tratta di simbolizzazioni o semantizzazioni senza pretese performative, ci troviamo di fronte a ciò che Austin chiama un'affermazione constativa, solo che se vengono annunciate come performance, la sfortuna sorge a causa di una sfortunata totalità, poiché nulla è effettivamente destinato a stabilire (l'esecutore cerca di esprimere il proprio pensiero, la propria sensibilità, ecc., raccontare una storia, presentare un discorso, mettere in scena una drammaturgia, una coreografia, un disegno di attività corporea, ecc.).
Nel caso di Barrer, siamo di fronte a una sfortuna di inautenticità perché, sebbene si fosse cercato di stabilire una performance, come ho potuto verificare in seguito nei dialoghi con quasi tutti i partecipanti diretti, avevano deciso di omettere a memoria, in eloquente smentita di tutto il significato che si intendeva svolgere, il frammento “loro sangue”, che è stato ripetuto trentatré volte all'interno della frase completa “il loro sangue, il tuo sangue, il mio sangue”. C'è stato un atto insincero nelle menti dei partecipanti, in cui le menti si sono opposte all'instaurazione di communitas con le vittime della violenza. Nulla era stato eseguito.

Spazza, sfortuna .

Centro immagine, Lima

24 luglio 2007

Durata approssimativa di 30 minuti

Tappeto, realizzato dalla designer Rosario Maria Silvia Piaggio

Sangue umano (2 litri  precedentemente estorto all'esecutore).

Scopa, smacchiatore, carta assorbente, secchio

Ritornelli pubblicitari del governo di Alberto Fujimori e  del secondo governo di Alan García.

Due modi di vestire (abbigliamento minimale semplice, completo e cravatta)

Persone rinchiuse nel seminterrato (33 persone)

Spettatori liberi (300 persone circa, al piano di sopra in giardino, che seguono l'azione in diretta su maxischermo).

Emilio Santisteban , artista performativo interdisciplinare. Perù. m.me/emiliosantistebanartista emilio@emiliosantisteban.org  Contattaci .

  • Icono social Instagram
  • Facebook Social Icon
  • Icono social LinkedIn